QSAR 2019-07-05T14:35:26+00:00

SERVIZI QSAR

Il metodo QSAR viene utilizzato per predire proprietà fisico-chimiche e biologiche di sostanze chimiche prive di dati sperimentali.

Il nostro servizio QSAR

Le predizioni vengono precedute da una fase di ricerca bibliografica con l’obiettivo di identificare tutte le informazioni sperimentali disponibili.

Successivamente, le analisi in silico sono effettuate seguendo le linee guida ECHA e utilizzando modelli conformi alle linee guida OECD.

Applicazioni:

  • Predizione di endpoints relativi alla tossicologia umana;
  • Predizione di endpoints relativi alla Ecotossicologia;
  • Predizione di proprietà chimico-fisiche.

Per ogni proprietà studiata, forniamo:

  • QSAR Prediction Reporting Format (QPRF)
  • QSAR Model Reporting Format (QMRF)
  • IUCLID Study record

Il servizio può essere personalizzato con lo sviluppo di nuovi modelli QSAR.

Scarica la nostra brochure
Contattaci per saperne di più

Cos’è il QSAR

La mancanza di dati sperimentali è una caratteristica comune a molte sostanze chimiche.

I nostri esperti bioinformatici possono determinare endpoints (eco)tossicologici e informazioni chimico-fisiche attraverso l’utilizzo di metodi in silico (es. QSAR e Read-Across).
Questi metodi applicano dei complessi algoritmi, sviluppati da dati sperimentali modello, per individuare una funzione matematica che correla la struttura di una molecola ad una sua attività biologica (es: tossicità) o ad una proprietà chimico-fisica (es: coefficiente di ripartizione ottanolo-acqua). Questa funzione matematica viene poi utilizzata per predire l’attività e le proprietà di una molecola a struttura nota ma priva di dato sperimentale.

L’utilizzo di metodi in silico viene suggerito dagli enti regolatori competenti in quanto permette di ottenere dati altamente affidabili evitando l’utilizzo di metodi in vivo.

Contattaci per saperne di più

QSAR nel contesto regolatorio

I metodi in silico vengono utilizzati da tempo nei seguenti ambiti:

  • tossicologico,
  • ricerca ambientale
  • regolatorio (alimentare, cosmetico, biocidi, detergenti e industrie chimiche).

I metodi QSAR sono accettati, e spesso suggeriti, da diversi enti regolatori (ES: FDA, Health Canada e ECHA) come primo step per l’identificazione di potenziali pericoli per la salute umana e per la prioritizzazione di sostanze chimiche.

In particolare, in ambito REACH, i metodi alternativi alla sperimentazione animale, come il QSAR, vengono suggeriti per determinare la pericolosità associata a sostanze chimiche poco studiate.

Le linee guida ICH M7, applicate a livello internazionale per la valutazione e il controllo di eventuali proprietà mutagene delle impurità presenti nei prodotti farmaceutici, suggeriscono l’utilizzo di metodi in silico per predire il potenziale mutageno di un’impurità quando il risultato sperimentale non è disponibile.

Pubblicazioni